Uomo che fa analisi del sangue

Centro Medico Sant’Angela

Diabetologia | Desenzano del Garda | Visite

blood-test.png

LA DIABETOLOGIA

La visita diabetologica è rivolta a pazienti con diagnosi recente o nota da tempo di pre-diabete (iperglicemia) o diabete.
Il medico valuta  lo stato di salute generale del paziente e l’andamento dei parametri metabolici per impostare o monitorare la terapia (farmacologica e non).
Il diabete spesso non presenta sintomi nella prima fase e per questo un controllo medico e le analisi cliniche sono il miglior modo per prevenirne le complicanze, che riguardano tutto l’organismo (occhi, reni, cuore, cute, cervello e sistema nervoso).
La visita diabetologica consente di monitorare nel tempo le condizioni cliniche del diabetico, modificarne eventualmente la terapia ed effettuare prevenzione sul rischio cardiovascolare.

Questa visita è indispensabile per la diagnosi della malattia, nell’identificare la terapia farmacologica (che deve essere personalizzata su ogni differente paziente) e non farmacologica (dieta ed attività fisica, anch’esse personalizzate); nell’aiutare il paziente nella prevenzione dello sviluppo delle complicanze e, se già in atto, nella gestione delle stesse.
Lo specialista diabetologo fornisce tutte le indicazioni terapeutiche per ridurre il rischio cardiovascolare, per il controllo della glicemia, dei lipidi e della pressione arteriosa e delle complicanze delle patologie, fornisce il piano terapeutico, la certificazione per l’esenzione per patologia e per il rinnovo della patente di guida nel caso dei pazienti diabetici.

Come avviene la visita?

Il dottore raccoglie il maggior numero di informazioni possibili sulla storia e sullo stile di vita dell’assistito: alimentazione, vizio del fumo, livello di attività fisica e di sedentarietà, eventuali patologie in corso, interventi precedenti, casi in famiglia di patologie simili, assunzione di farmaci.
Il diabetologo procede poi a una visita clinica che può durare tra 30 e 40 minuti in conclusione della quale prescrive gli accertamenti da eseguire oppure, se si tratta di una seconda visita, valuta i risultati delle analisi impostando la terapia, prescrivendo i farmaci, illustrando al paziente le modalità per la gestione della patologia (automonitoraggio della glicemia e non solo), offrendo indicazioni sul regime alimentare e il corretto stile di vita, confermando e rinforzando le motivazioni sulla cura della malattia.

Successivamente vengono prescritti tutti i test di laboratorio necessari per i pazienti che necessitano di approfondimenti diagnostici.

Come ci si prepara?

Il paziente è invitato a portare con sé eventuali esami effettuati su richiesta del proprio medico e un promemoria in cui sono indicati tutti i farmaci che sta assumendo.

Dott. Umberto Valentini

doctor-02.png

Specializzazione in Diabetologia e Malattie del Ricambio presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Milano( 70/70 e lode); Specializzazione in Medicina Interna presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Parma nel 1989 ( 50/50 e lode)

Specializzato in ambito delle malattie endocrno-metaboliche, lavorando presso il 3° laboratorio degli Spedali civili di Brescia dal 1976 -1980( aree di interesse: ormoni pancreatici e ipofisari); dal 1980 al 1993 ho lavorato prima come assistente e poi come aiuto( dal 1986) in 2° medicina degli Spedali Civili occupandomi in particolare della malattia diabetica; dal 1994, con l’istituzione della Unità Operativa di Diabetologia, si occupa a tempo pieno di questa patologie e delle comorbidità
correlate.
In particolare nell’ambito diabetologico ho approfondito i temi dell’Educazione Terapeutica frequentando la scuola del prof J.P.Assal a Ginevra dal 1993 al 2008; e i modelli di gestione delle malattie croniche( Disesae Management, Percorsi Assistenziali …)
Dal 1999 al febbraio 2020 Direttore dell’U.O.Diabetologia dell’ASST Spedali Civili e dal 2019 al 2020 Direttore del Dipartimento Cronicità dell’ASST Spedali Civili.
Inoltre è internista ospedaliero con formazione specifica in ambito endocrino metabolico e competenze nell’Educazione della persona con malattia cronica e nelle modalità organizzative/gestionali
Presidente Nazionale dal 2005- al 2007 della Società Scientifica Associazione Medici Diabetologi;
dal 2010 al 2013 ho ricoperto la carica di Presidente di Diabete Italia, coordinamento nazionale tra le Società Scientifiche Nazionali in ambito Diabetologico e le Associazioni di Volontariato.
Lavori : stesura della legge Regionale per la Prevenzione e cura del Diabete Mellito ( 1992), del Piano Sanitario Nazionale per la malattia Diabetica ( 7/2/2013), del Piano Nazionale Cronicità ( 2016); componente della commissione Regionale “Diabete”.
Autore o coautore di 110 pubblicazioni scientifiche in campo diabetologico e di 130 tra comunicazioni orali e abstracts a congressi nazionali e internazionali.